fbpx

Come analizzare titoli azionari, parte 3 – Stabilita’ della crescita

Il tuo partner di fiducia negli investimenti.

Come analizzare titoli azionari, parte 3 – Stabilita’ della crescita

Eccoci giunti al terzo appuntamento di questa serie intitolata “Come analizzare titoli azionari“. Nei precedenti articoli abbiamo visto come quantificare il valore societario (Come analizzare titoli azionari, parte 1 – Valore societario) e come quantificare la qualita’ dei bilanci (Come analizzare titoli azionari, parte 2 – Qualita’ dei Bilanci).
In questo terzo appuntamento ci soffermiamo sulla stabilita’ della crescita. Ricordiamo che i quattro pilastri principali dell’analisi fondamentale che abbiamo definito sono i seguenti:

  • Valore societario;
  • Qualita’;
  • Stabilita’ della crescita;
  • Salute finanziaria.

Il riferimento e’ sempre al mercato USA e, nello specifico, sempre a Thermo Fisher Scientific Inc (NYSE: TMO), societa’ del settore Health Care.
Ripetiamo anche l’avvertenza gia’ menzionata nell’articolo precedente: l’autore di questo articolo e’ un possessore di NYSE: TMO ma la quantita’ di esposizione ed il bacino di utenza di questo sito non possono rappresentare influenze significative sul titolo.

Stabilita’ della crescita

Con stabilita’ della crescita si intende valutare quanto e’ stata stabile la crescita degli utili e del Flusso di Cassa nel tempo. Compagnie aventi una maggiore stabilita’ della crescita in confronto ai loro competitors sono valutate ovviamente con maggiore favore.
I valori su cui ci soffermiamo in questo caso sono i seguenti:

  • Liquidita’ rispetto al Valore d’Impresa;
  • Stabilita’ degli Utili per Azione (EPS);
  • Stabilita’ del Flusso di Cassa Operativo.

Liquidita’ rispetto al Valore d’Impresa

Questo rapporto misura i possedimenti liquidi della compagnia relativamente al suo Valore d’Impresa (o Enterprise Value – EV). Ricordiamo che a seconda del livello di indebitamento della società, due sono le modalità di calcolo di Enterprise Value:
a) Nel caso di società indebitate: EV = capitalizzazione di borsa + indebitamento netto; 
b) Nel caso di società non indebitate: EV = capitalizzazione di borsa – liquidità netta. 
Il valore della società così calcolato rappresenta il prezzo che dovrebbe pagare chi volesse acquisire la società senza debiti. Il valore della società (EV) deve essere pari al valore di mercato di capitale di debito e capitale proprio. Ciò implica pertanto che il valore totale generato dalle attività operative e di investimento di un’impresa e deve essere diviso tra i vari portatori di capitale (siano essi portatori di capitale a titolo di debito sia a titolo di rischio). 
TMO ha un valore pari a 0,02 rispetto al valore mediano settoriale di 0,26.

Stabilita’ degli Utili per Azione (EPS)

Questo fattore misura il rapporto tra il cambio annuale degli Utili per Azione (ovvero Earnings per Share, EPS) rispetto alla deviazione standard nel cambio annuale di EPS andando indietro di otto periodi.
TMO ha un valore pari a 2,66 rispetto al valore mediano settoriale di 0,04.

Stabilita’ del Flusso di Cassa Operativo

Questa metrica confronta il Flusso di Cassa Operativo della compagnia rispetto al suo valore di mercato. Quanto piu’ basso e’ questo valore quanto piu’ costosa e’ la compagnia.
TMO ha un valore di -0,22 rispetto ad un valore mediano settoriale di 0,08.

Valore finale

Complessivamente, TMO registra un risultato del 65%.

Avvertenza

Le informazioni contenute nel presente articolo non sono esaustive e non costituiscono né un’offerta né una consulenza fiscale o di investimento.
L’articolo ha il solo scopo di fornire informazioni educative/news.
L’autore dichiara di possedere posizioni aperte negli assets indicati ma la quantita’ di esposizione ed il bacino di utenza di questo sito non possono rappresentare influenze significative sul titolo.
L’articolo rappresenta l’opinione personale dell’autore.
Gli andamenti discussi potrebbero cambiare e si consiglia cautela e spirito critico.
I risultati del passato non possono essere proiettati nel futuro; vale a dire, in generale, che non e’ possibile prevedere l’efficacia futura solo sulla base dei risultati passati.

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *